Un’estate con Coo


Keiichi Hara potrebbe essere definito come “il nuovo poeta dell’animazione Giapponese”. Il suo stile narrativo, lento e con una forte impronta ambientalista, è una via di mezzo tra quello di Miyazaki e Hosoda.

Un’estate con Coo è la storia di un Kappa: (spirito della cultura tradizionale Nipponica che rappresenta un Dio dell’acqa), ritrovato da un bambino (Koichi). La famiglia di Koichi decide di adottare la creatura, con tutte le conseguenze del cass, dandogli il nome Coo.

Il film scorre lento e sereno, ma anche con momenti di profonda drammaticità e di critica al genere umano. Un po’ statiche le animazioni prodotte dallo Studio Gonzo, compensate però dalla bravura di Hara, che dirige con dinamicita soprattutto le sequenze campestri.

Un’estate con Coo è un omaggio al Giappone più puro, quello della spiritualità e del rispetto per la natura tipici dello Shintoismo; peculiarità che purtroppo sopravvivono solo nelle zone rurali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: