La Storia della principessa splendente

principessa

Dopo più di un anno, torno ad occuparmi di anime: lo so è passato molto tempo dall’ultimo aggiornamento, ma tra un impegno e l’altro, è difficile assimilare quello che vedo; di conseguenza è molto complicato scrivere recensioni. Ho deciso comunque di scegliere qualche titolo e descriverlo al meglio possibile. Fatta questa dovuta premessa, comincio a parlare de: La Storia della principessa splendente di Isao Takahata.

Dopo una gestazione durata otto anni (il film è uscito in Giappone nel 2013). Takahata torna alla regia, con l’adattamento della fiaba popolare “Taketori Monogatari”: racconto ambientato nell’epoca feudale, incentrato su Kaguya; una bambina (Dea) nata da una canna di bambù, e adottata dal vecchio Taketori e sua moglie, che la crescono come loro figlia.

Visivamente il film è potente: ogni immagine è un dipinto del passato, che descrive il Giappone medievale, con i suoi vasti campi da coltura, i suoi castelli, i suoi principi e vassalli. Lo Studio Ghibli ha riunito i migliori animatori, intercalatori e artisti del colore, per creare un affresco artigianale di rara manifattura.

Emozioni trasmesse per immagini, ma non solo… La Storia della principessa splendente è anche un racconto di rimpianto e accettazione di sè stessi: Kaguya è prigioniera della propria bellezza che le conferisce uno status nobiliare, quando in realtà rimpiange la sua infanzia e i compagni di giochi.

Il film ha vinto numerosi riconoscimenti ed è stato presentato al festival di Cannes 2014.

Princess mononoke

mononokeHayao Miyazaki è il più conosciuto autore di anime in occidente. Il fondatore dello Studio Ghibli, che ha recentemente dichiarato il suo ritiro dall’attività di regista, ha uno stile riconoscibile anche dai non appassionati. L’estetica di Miyazaki è semplice e immediata, fatta di ambienti naturali e di riferimenti allo Shintoismo (Kami e mitologia compresi).

Princess mononoke è, assieme a La città incantata, il capolavoro assoluto di Miyazaki. In questo film il regista è più realista e meno utopico del solito; descrivendo una guerra del periodo Muromachi dove non si fanno prigionieri e non ci sono vincitori ne vinti.

I personaggi sono caratterizzati splendidamente: il forte e intelligente principe Ashitaka e la ruvida ragazza lupo San non sono banali, ma aggiungono interesse alla storia. Registicamente Miyazaki è perfetto, con lunghe sequenze sugli spiriti della foresta e raffinati dettaglii delle case dei nobili.

Film del 1997, Princess mononoke è un’opera fruibile e diretta, nella tradizione Ghibli.

Sword of the Stranger

I Samurai, casta di nobili e orgogliosi guerrieri, sono parte della storia e della cultura del Giappone, ed hanno ispirato autori di manga, anime, cinema, letteratura e teatro.

Lo Studio Bones nel 2007 riporta in scena i Samurai, firmando la sua opera più importante. Sword of the Stranger è un film che fa della perfezione estetica e della cura dei dettaglii la sua forza. Dai feudi nobiliari, agli arredamenti degli interni, fino ai costumi indossati dai protagonisti, tutto è eccellenza visiva, con animazioni fluide e dinamiche. Ma Sword of the Stranger non è solo questo; è anche la storia della profonda amicizia tra un Samurai vagabondo e solitario con Kotaro: un bambino perseguitato dai sicari della dinastia Ming.

Il regista, Masahiro Andō si rifà, per sua stessa ammissione, alla tipologia dell’eroe triste e silenzioso, tipica della cinematografia di Akira Kurosawa e di Sergio Leone; tipologia che funziona perfettamente in una storia semplice ed efficace.

Sword of the Stranger è distribuito in Italia dalla Dynit.